Rachitismo di vitello: storia medica, sintomi e trattamento

Rachitismo di vitello: storia medica, sintomi e trattamento

Il rachitismo nei bovini giovani è una pericolosa malattia cronica caratterizzata da alterato metabolismo del calcio-fosforo e carenza di vitamina D, accompagnata da distrofia ossea, debolezza muscolare, funzionamento alterato dei sistemi nervoso e cardiovascolare dei giovani bovini. Questa pericolosa malattia può manifestarsi in qualsiasi momento nella vita di un giovane animale. Tuttavia, il più delle volte, il rachitismo nei vitelli viene diagnosticato nei primi mesi di vita, così come nei giovani bovini adulti da ingrasso.

Le ragioni per lo sviluppo del rachitismo negli animali giovani

L'ipovitaminosi D è una malattia dei giovani animali in crescita associata a una carenza di vitamina D, uno squilibrio di fosforo e calcio nel corpo. Porta allo sviluppo del rachitismo. Inoltre, il rachitismo può verificarsi sullo sfondo di una carenza nel corpo e di altre vitamine, microelementi e macroelementi vitali, nonché con radiazioni ultraviolette insufficienti e malattie del tratto gastrointestinale.

Le principali cause di rachitismo nei bovini giovani:

  • carenza di vitamina D;
  • violazione del rapporto o carenza di calcio e fosforo nel corpo di un giovane animale;
  • malattie gastrointestinali;
  • violazione dello squilibrio acido-base nel corpo;
  • mancanza di esercizio;
  • nessuna esposizione ai raggi ultravioletti in estate (manutenzione senza stallo), in inverno e in primavera - nessuna irradiazione UV per mezzo di lampade al mercurio al quarzo;
  • conservazione in stanze buie, umide e fredde.

Importante! La vitamina D (calciferolo), o vitamina antirachitica, insieme all'ormone della ghiandola paratiroidea, partecipa allo scambio di fosforo e calcio, nonché alla mineralizzazione e alla crescita del tessuto osseo di un giovane animale.

La causa del rachitismo nei vitelli nel periodo neonatale è una violazione del metabolismo delle vitamine e dei minerali nel corpo di una mucca, nonché un'alimentazione monotona e scarsa di un animale gravido. Spesso questa malattia si verifica nei vitelli nati da vacche con iperfosfatemia e ipocalcemia.

Questa malattia può manifestarsi in qualsiasi periodo di crescita e sviluppo dei giovani bovini. Molto spesso, i giovani animali di età inferiore a un anno sono malati di rachitismo.

Avvertimento! Nel periodo inverno-primavera, sullo sfondo della carenza di vitamine e della mancanza di esercizio, si osserva spesso una malattia di massa di giovani animali con rachitismo.

Sintomi di rachitismo

Il rachitismo nei bovini giovani si sviluppa lentamente, quindi è piuttosto difficile determinare la presenza di questa malattia nei primi giorni.

I vitelli nati da vacche metaboliche sono molto deboli. Un chiaro sintomo del rachitismo nei vitelli appena nati è uno scheletro poco sviluppato. Il dolore si nota alla palpazione degli arti posteriori, delle ossa pelviche e della parte bassa della schiena.

Anche i sintomi tipici del rachitismo sono:

  • allargamento delle articolazioni;
  • debolezza degli arti;
  • posizionamento errato degli arti anteriori e loro deformazione;
  • l'aspetto del cosiddetto "rosario sgangherato" - sigilli delle estremità toraciche (distali) delle costole;
  • cambiamento nella forma (deformazione) delle ossa del cranio.

Importante! Un chiaro segno di rachitismo nei bovini giovani è l'apparenza di un appetito perverso.

Nelle prime settimane e mesi di vita nei vitelli affetti da rachitismo c'è il rifiuto di nutrirsi e una perversione dell'appetito. I vitelli iniziano:

  • mangiare lettiera sporca, terra, feci secche;
  • leccare la lana;
  • rosicchiare i muri;
  • bere liquame.

Sullo sfondo di un appetito perverso nei vitelli con rachitismo, si sviluppano gastroenterite e diarrea. La lana dei vitelli con rachitismo diventa opaca e arruffata e la pelle perde la sua elasticità. Nei vitelli affetti da rachitismo, di regola, il cambio dei denti viene ritardato. Inoltre barcollano e cadono. I giovani bovini a volte hanno frequenti attacchi di soffocamento e crampi muscolari (tetania).

I vitelli di 3-6 mesi hanno un ritardo nello sviluppo e nessun aumento di peso. L'animale si muove un po 'e rimane di più in posizione sdraiata. I vitelli malati si alzano lentamente e spesso calpestano gli arti. Le zampe anteriori di un animale malato di rachitismo sono ampiamente distanziate in posizione eretta.

Nei casi gravi di rachitismo nei vitelli, si osserva quanto segue:

  • disturbo respiratorio;
  • distrofia miocardica;
  • tachicardia;
  • anemia.

I rari movimenti di un paziente al polpaccio con rachitismo sono accompagnati da un caratteristico scricchiolio delle articolazioni e zoppia. I movimenti dell'animale malato sono molto lenti, tesi e i passi sono accorciati. Alla palpazione delle articolazioni si nota dolore. Negli animali in condizioni critiche si verificano spesso fratture ossee.

Anche i giovani bovini all'età di un anno soffrono di questa malattia. Negli animali ben sviluppati e ben nutriti, gli indicatori dell'aumento di peso corporeo sono ridotti a causa della cattiva alimentazione (mancanza di appetito) e della bassa digeribilità del mangime.

Le giovenche malate di rachitismo mentono a lungo, non mostrano interesse per l'alimentazione, si muovono a passi brevi. Quando si esamina la giovenca, c'è un aumento delle articolazioni, una curvatura della colonna vertebrale, gli arti vengono portati sotto il corpo.

Diagnosi della malattia

Quando si effettua una diagnosi, lo specialista veterinario valuta la razione di alimentazione dell'animale, analizza i segni clinici della manifestazione della malattia. Quando si effettua una diagnosi, vengono presi in considerazione anche gli indicatori del sangue di laboratorio (analisi biochimica) con la definizione:

  • la concentrazione di calcio e fosforo nel sangue di un animale malato;
  • riserva l'alcalinità del sangue;
  • attività della fosfatasi alcalina.

Se necessario, lo specialista veterinario deve condurre una radiografia o un esame istologico del tessuto della zona epimetafisaria delle ossa. Il rachitismo negli animali giovani ha sintomi simili con:

  • reumatismi articolari;
  • malattia dei muscoli bianchi;
  • Malattia di Urovsky;
  • ipocuprosis (o acuprosis).

Pertanto, nella diagnosi differenziale del rachitismo nei bovini giovani, il veterinario deve escludere queste malattie.

Trattamento del rachitismo nei vitelli

Quando il rachitismo viene rilevato nei vitelli appena nati e nei giovani bovini, gli animali malati devono essere isolati da quelli sani e posti in una stanza asciutta, calda e spaziosa.

Prima di tutto, è necessario rivedere la dieta degli animali giovani. Dovrebbe consistere in mangimi facilmente digeribili ricchi di proteine, vitamine A, D, calcio, fosforo, macro e microelementi.

Gli animali malati vengono introdotti nella dieta e l'alimentazione viene aumentata:

  • erba succulenta;
  • fieno vitaminico di trifoglio ed erba medica;
  • carote rosse;
  • latte intero e latte scremato;
  • mangime per lievito.

I seguenti sono usati come medicazioni minerali:

  • farina di gusci e ossa;
  • nutrire il gesso;
  • fosfato tricalcico, glicerofosfato di calcio.

Nel trattamento del rachitismo nei bovini giovani vengono prescritti olio, soluzioni alcoliche ed emulsioni di vitamina D.

L'ergocalciferolo (vitamina D2) è prescritto per via intramuscolare:

  • trattamento a lungo termine con dosi frazionarie di 5-10 mila UI per un mese o più;
  • 75-200 mila UI ogni 2-3 giorni (entro 2-3 settimane);
  • una singola dose di 500-800 mila UI.

Nel trattamento del rachitismo vengono utilizzati anche farmaci complessi:

  • per via orale nominare "Trivitamin" (soluzione di vitamine D3, A ed E) 5-10 gocce al giorno o per via intramuscolare 1-2 ml una o tre volte alla settimana;
  • "Tetravit" (soluzione di vitamina D3, F, E e A) per via intramuscolare 2 ml una o due volte alla settimana.

Ai vitelli malati di rachitismo viene prescritto olio di pesce fortificato a 0,4-0,5 g per 1 kg di peso corporeo animale. Per via orale durante l'alimentazione tre volte al giorno per 7-10 giorni.

I vitelli con rachitismo vengono irradiati con lampade UV. L'irradiazione di gruppo dei vitelli viene effettuata in stanze speciali. Con il bel tempo soleggiato, i giovani animali dovrebbero essere liberati per una passeggiata in ampi cortili all'aperto.

Previsione

Con il rilevamento tempestivo della malattia (specialmente nelle prime fasi), nonché con un trattamento adeguato, l'animale con rachitismo si riprende rapidamente. Con il rilevamento tardivo dei sintomi della malattia, la diagnosi errata e la comparsa di complicanze, la prognosi è sfavorevole o dubbia.

Il decorso della malattia nei bovini giovani è cronico. Il rachitismo nei polpacci è pericoloso con le seguenti complicazioni:

  • broncopolmonite;
  • anemia;
  • grave esaurimento;
  • distrofia miocardica;
  • gastroenterite cronica;
  • catarro dello stomaco e dell'intestino;
  • diminuzione della resistenza del corpo di un giovane animale alle malattie infettive.

Azioni preventive

La prevenzione del rachitismo nei bovini giovani prevede tutta una serie di misure veterinarie e zootecniche. Prima di tutto, i vitelli devono fornire una dieta completa. La carenza di vitamine, micro e macroelementi è compensata dall'introduzione di complessi vitaminico-minerali nella dieta degli animali giovani.

Calcio, fosforo, vitamine del gruppo B, D, A ed E sono particolarmente necessari per gli animali durante la gravidanza e l'alimentazione dei vitelli con il colostro. Le mucche gravide vengono iniettate per via intramuscolare con una preparazione di vitamina D - 250-1000 mila UI 4-6 settimane prima della data approssimativa del parto. In caso di carenza di minerali o vitamina D nelle mucche, la prima volta che il colostro viene somministrato al vitello appena nato, dovrebbero essere alimentati 50mila UI di vitamina D.

La stanza in cui vengono tenuti i giovani dovrebbe essere spaziosa, luminosa e calda. La custodia affollata di animali in stanze buie e umide è inaccettabile. In estate e tempo soleggiato, i giovani animali devono essere forniti di esercizio all'aria aperta. In primavera, autunno e inverno, è necessario organizzare l'irradiazione sotto speciali lampade ultraviolette.

Conclusione

Il rachitismo negli animali giovani si verifica a seguito di una violazione del metabolismo minerale nel corpo, nonché di una carenza di vitamina D, calcio e fosforo. Questa pericolosa malattia è principalmente una conseguenza di una violazione delle norme di alimentazione, allevamento di vitelli e mucche gravide. Con un trattamento tempestivo, i vitelli malati guariscono rapidamente; nei casi più gravi, muoiono per gravi complicazioni.


Guarda il video: Piede diabetico: sintomi e terapia rigenerativa. La chirurgia davanguardia del piede diabetico