Illuminazione fai da te di piantine con strisce LED

Illuminazione fai da te di piantine con strisce LED

Le piantine vengono coltivate all'inizio della primavera quando le ore diurne sono ancora brevi. L'illuminazione artificiale risolve il problema della mancanza di luce, ma non tutte le lampade sono ugualmente utili. Per le piante, parametri come intensità e spettro sono importanti. La soluzione ottimale è illuminare le piantine con una striscia LED, assemblata con le proprie mani in pochi minuti.

I vantaggi dell'illuminazione artificiale

La mancanza di luce influisce negativamente sullo sviluppo delle piantine. Nelle piante, la fotosintesi è inibita, foglie e steli iniziano a sbiadire. I coltivatori di ortaggi risolvono il problema installando l'illuminazione artificiale dalle lampade. Un bagliore giallo o bianco ha un effetto positivo sul processo di fotosintesi, ma non porta altri benefici. L'intero spettro necessario contiene la luce solare, che promuove lo sviluppo di cellule, placche fogliari e la formazione di infiorescenze. L'illuminazione delle piantine con strisce LED di diversa luminescenza consente di avvicinarsi il più possibile all'indicatore.

I LED emettono lo spettro richiesto dalle piantine, che è disponibile in luce naturale. I raggi sparsi vengono catturati meglio dalle piante. Per ottenerli, i riflettori vengono installati da specchi o fogli. Di tutto lo spettro emesso, tre colori sono particolarmente utili per le piantine:

  • blu: stimola la crescita;
  • rosso: accelera la formazione di infiorescenze;
  • rosa: combina le caratteristiche utili del blu e del rosso.

Per ottenere lo spettro completo, hanno iniziato a utilizzare strisce per illuminare piantine da LED di diversa luminescenza.

Nel video, l'illuminazione di piantine con striscia LED:

Vantaggi dell'utilizzo di strisce LED

I LED hanno il vantaggio principale: emettono lo spettro di luce necessario per le piantine, ma ci sono anche una serie di importanti vantaggi:

  • il nastro consuma poca elettricità;
  • I LED emettono onde luminose di diversa lunghezza, che vengono assorbite meglio dalle piante;
  • il nastro è progettato per una lunga durata;
  • il funzionamento a bassa tensione rende il fuoco della striscia LED e la sicurezza elettrica;
  • I LED hanno uno sfarfallio minimo, nessuna radiazione UV e IR;
  • I LED sono ecologici grazie all'assenza di sostanze nocive come il mercurio.

Lo svantaggio è il costo. Il prezzo di una buona striscia LED con un alimentatore è 7-10 volte più di una lampadina a LED economica, ma la retroilluminazione si ripagherà in un paio d'anni.

Regole di installazione di illuminazione

L'illuminazione delle piantine sul davanzale della finestra è dotata di una striscia LED in modo da escludere al massimo l'umidità dall'ingresso nella parte elettrica. Le sorgenti luminose sono fissate in alto sopra le piante. Puoi incollare la striscia luminosa sul retro dello scaffale sul livello superiore del rack. I riflettori sono posizionati sui lati della scatola della piantina. In questa posizione, la superficie dello specchio diffonde meglio la luce.

Consigli! Non ha senso posizionare un riflettore sopra le piantine vicino alla fonte di luce. I LED emettono un fascio di luce diretto, in questo caso verso il basso. I raggi non colpiranno il riflettore e sarà semplicemente inutile.

Quando si coltiva un gran numero di piantine, creare grandi scaffali con cinque ripiani e posizionarli sul pavimento. La lontananza della struttura dalla finestra richiede un aumento del tempo di illuminazione. Affinché i LED non si surriscaldino a causa del funzionamento a lungo termine, i nastri vengono incollati al profilo in alluminio.

Se l'illuminazione è fissata sul lato posteriore del ripiano del livello superiore del rack, è esclusa la possibilità di regolare l'altezza dell'illuminazione. La sorgente luminosa deve essere posizionata sopra le piantine con uno spazio da 10 a 40 cm.I LED praticamente non emettono calore. Il rischio di ustioni del fogliame è escluso e questo consente di impostare lo spazio ottimale - 10 cm.

Quando germogliano i germogli, il dispositivo di illuminazione deve essere il più vicino possibile alle scatole. Le piantine crescono vigorosamente e con essa è necessario il sollevamento della sorgente luminosa per mantenere lo spazio vuoto. Per questo motivo, è meglio non fissare saldamente la striscia LED ai ripiani del rack, ma creare una lampada separata da un profilo di alluminio o da una barra di legno. Un dispositivo di illuminazione fatto in casa viene fissato con funi agli architravi della cremagliera e, se necessario, viene abbassato o sollevato.

Scegliere una striscia per la retroilluminazione

Molti orticoltori sono spaventati non dal costo della striscia LED, ma dalla mancanza di esperienza nella scelta e nel collegamento. Non c'è niente di difficile in questo. Ora vedremo come scegliere una striscia LED per illuminare le piantine e quali altri dettagli sono necessari.

Tutti i nastri sono venduti in lunghezze di 5 m, avvolti su un rotolo. Dovrà essere tagliato alla dimensione dei ripiani del rack e i pezzi dovranno essere collegati con fili. I righelli in alluminio con LED saldati sono un'alternativa. La base in metallo funge da refrigeratore. I righelli sono prodotti in diverse lunghezze ed è più facile sceglierli per la dimensione del rack, ma il costo del prodotto è leggermente più alto del nastro.

Quando si acquista una striscia LED, osservano le seguenti caratteristiche:

Importante! C'è un marchio IP sulla confezione del prodotto. Questo è il grado di protezione indicato. Quando si determina quale striscia LED è la migliore per illuminare le piantine, viene data la preferenza a un prodotto con un valore IP elevato. I LED hanno un rivestimento in silicone che protegge dall'umidità e dai danni meccanici.

È ottimale per l'illuminazione delle piantine scegliere un prodotto con il numero di LED 5630, una potenza di 20 W / me un angolo di incandescenza di 120di.

Un indicatore importante è la potenza dei LED. Maggiore è il valore, maggiore è il riscaldamento. Per la dissipazione del calore, vengono venduti profili in alluminio. Quando crei una retroilluminazione fatta in casa, non dovresti salvare su questo elemento.

I nastri sono venduti in diversi colori. Per le piante, è ottimale utilizzare due colori: blu e rosso. Se le piantine sono nella stanza, tale illuminazione crea disagio per la vista. La soluzione ottimale al problema sarebbe produrre un apparecchio con LED bianco caldo.

I LED funzionano a corrente continua con una tensione di 12 o 24 volt. Il collegamento alla presa avviene tramite l'alimentatore. In termini di potenza, il raddrizzatore è selezionato con un margine. Se lo riporti indietro, il dispositivo elettronico non si surriscalda rapidamente. Ad esempio, la potenza di 5 m di nastro è di 100 watt. Va bene un alimentatore da 120-150 W. Più è meglio di meno.

Assemblaggio della retroilluminazione a LED

Per realizzare la lampada, è necessaria una striscia uguale alla lunghezza del ripiano del porta piantine. Puoi usare una trave di legno, ma è meglio acquistare un profilo in alluminio. Sarà più ordinato, inoltre le pareti laterali fungeranno da refrigeratore.

Se vengono selezionati LED bianchi per l'illuminazione, una striscia luminosa è sufficiente sopra lo scaffale con le piantine. Con una combinazione di LED rossi e blu, una lampada è composta da due strisce. Per l'accoppiamento, i profili in alluminio vengono avvitati a una striscia di legno parallela tra loro con viti autofilettanti.

Attenzione! In un apparecchio combinato, il rapporto dei LED è rispettato: per 1 lampadina rossa, ci sono 8 lampadine blu. Puoi ottenere qualcosa del genere se acquisti un nastro rosso con un numero minimo di lampadine per 1 m e un nastro blu con un numero massimo di lampadine per 1 m.

La striscia LED è tagliata alla lunghezza del profilo. La posizione del taglio può essere facilmente identificata dallo schema a forbice applicato. Due fili sono saldati a un'estremità o è installato un connettore di collegamento. Sul retro dei LED è presente uno strato adesivo ricoperto da una pellicola protettiva. È necessario rimuoverlo e incollare il nastro sul profilo di alluminio.

La lampada è pronta. Ora resta da collegare la striscia LED per illuminare le piantine all'alimentazione. I LED si accenderanno se la polarità è corretta: più e meno. Le tacche di fase e zero sono stampate sull'alimentatore. Ci sono segni "+" e "-" sul nastro nel punto in cui i fili sono saldati. Il filo proveniente dal meno è collegato al contatto zero sull'alimentatore e il filo positivo al contatto di fase. Se collegato correttamente, dopo aver applicato la tensione, la lampada fatta in casa si accenderà.

Attenzione! Sono presenti strisce LED RGB multicolori con 4 fili di collegamento. Non sono adatti per evidenziare piantine. Non ha senso spendere soldi extra e assemblare un circuito complesso con un controller.

Il video mostra la fabbricazione della lampada:

Gli apparecchi sono realizzati nello stesso modo del numero di ripiani della scaffalatura. Un apparecchio di illuminazione fatto in casa è sospeso a una corda sopra le piantine. Con la crescita delle piante la lampada si solleva più in alto, mantenendo uno spazio di almeno 10 cm.


Guarda il video: Come illuminare efficacemente la cucina in meno di 5 minuti